Clara Schiavoni

Elisabetta e Clara

Elisabetta_e_Clara.pdf

intervista ad Agoradio

link_intervista_agoradio.doc

ELISABETTA, CLARA E IL PROFESSOR FALASCHI

La seguente intervista che ho rilasciato al giornalista Eno Santecchia di Caldarola (MC) è stata pubblicata a novembre 2015 sul settimanale "L' Appennino Camerte":

ELISABETTA, CLARA E IL PROFESSOR FALASCHI

Nata a Tolentino oggi vive a Osimo, l'ins. Clara Schiavoni è autrice di alcuni libri e in ultimo dell'apprezzato romanzo storico "Sono tornata. Elisabetta Malatesta Varano: l'amore, il dolore, il potere" uscito nel 2013 per i tipi della maceratese Edizioni Simple. Rispondendo alle domande ci racconta del lavoro (durato due anni e mezzo) di ricerca, studio, preparazione e stesura di quel romanzo. L'autrice e la protagonista s'immedesimano, quasi si fondono, tanto da avere un'unica ombra!

Com'è giunta alla decisione di scrivere un romanzo storico?

"Ci sono giunta quando è arrivato il momento giusto per realizzare un desiderio che avevo fin dall'infanzia: durante le vacanze a Tolentino, mio nonno materno mi portava con sé a Camerino passando con il suo calesse in località Sfercia, sotto la Rocca Varano, il castello delle fate ai miei occhi di bambina. Un castello che si è impresso nella mia anima e non mi ha abbandonato portandomi senz'altro ad amare l'epoca medievale e ad approfondire, nel tempo, la mia conoscenza sui Varano proprietari dell'omonima rocca, Signori di Camerino dal 1200 a circa la prima metà del 1500".

Quali sono state le difficoltà?

"Reperire la documentazione storica".

Chi l'ha supportata?

"Grazie a una serie di coincidenze, e niente succede per caso, ho conosciuto due camerti: il prof. Pier Luigi Falaschi, storiografo e saggista, l'avv. Giuseppe de Rosa, scrittore amante della sua terra, e Valerio Franconi, curatore della biblioteca di Visso. Tutti e tre, ma soprattutto il professor Falaschi, mi hanno supportato indicandomi a quale materiale documentario dovevo riferirmi".

Com'è stato raggiunto il felice connubio tra realtà storica e ricostruzione di ciò che mancava?

"Il "felice connubio", come lei lo definisce, tra realtà storica e ricostruzione di ciò che mancava è nato grazie alla mia immedesimazione nei personaggi, nei loro stati d'animo a seconda delle vicende che stavano vivendo. Momenti di immedesimazione intensi in cui perdevo la nozione del tempo e dello spazio. Il romanzo è basato sulla storia, ma in alcune parti prevale la manzoniana verosimiglianza storica: qualche congettura e qualche invenzione sono presenti nel testo. In particolare non si sa se la galleria di fuga della Rocca di Visso sia esistita, se sia nato l'amore tra Elisabetta e Venanzio".

Ha visitato qualche luogo dove è passata Elisabetta Varano, protagonista del suo romanzo?

"Ho visitato tutti i luoghi elisabettiani in ore diverse della giornata, in giorni e mesi diversi per appropriarmi dello sguardo di Elisabetta e dei vari protagonisti. Sopralluoghi approfonditi che mi hanno emozionato".

Ha avuto momenti di scoramento?

"Senz'altro, all'inizio quando ho avuto difficoltà a reperire la documentazione storica che mi serviva. Ma anche durante lo studio degli "Atti e Memorie" di Bernardino Feliciangeli a causa dell'intreccio fittissimo di battaglie nella Marca, di alleanze che venivano disattese nel giro di poco tempo, di altre che le sostituivano: il rischio di perdersi è stato grande".

Mentre scriveva, quanto si è appassionata e immedesimata al personaggio della protagonista?

"Mi sono appassionata e immedesimata in Elisabetta totalmente, siamo diventate una sola persona, la sentivo sempre vicina a me e ci parlavo anche. D'altra parte, l'affinità elettiva fra due anime storicamente collocate a distanza di secoli è accertata: la sottile dinamica di transfert e controtransfert che si instaura tra scrittrice e personaggio da lei descritto costituisce l'occasione per rendere esplicito ciò che vive implicitamente dentro di noi e che domanda di essere portato alla luce. Inoltre, l'esigenza di cogliere aspetti sottili della dimensione interiore, quelle costanti universali e umane che certamente costituiscono gli eterni dell'uomo, stati e dinamiche che appartengono intrinsecamente all'essere umano, oltrepassano il tempo che approda a una specie di eterno presente, ad una sospensione del tempo, a una vittoria sul tempo, a una sua dilatazione infinita".

L'ha amata o odiata?

"L'ho amata e la amo ancora moltissimo".

Il prof. Pier Luigi Falaschi di recente è stato festeggiato a Camerino; ci riferisca specificatamente sul suo apporto.

"Senza il supporto del professor Falaschi il libro non sarebbe esistito: oltre a indicarmi la documentazione giusta e dove trovarla, ha letto la prima bozza di "Sono tornata" con attenzione meticolosa appurando che il susseguirsi delle date storiche era esatto e l'ha riletta con me pagina per pagina. A questo punto ho potuto iniziare il lavoro di caratterizzazione dei personaggi scavando nella loro psicologia, di descrizione di interni ed esterni, insomma il romanzo ha preso l'avvio. Generosamente il professor Falaschi ha letto anche la seconda bozza. A lui va tutta la mia riconoscenza per la disponibilità mostrata nei miei confronti, per il tempo speso con me nei vari sopralluoghi e, ripeto, per la lettura attenta del mio manoscritto avvenuta in più fasi, per tutti i consigli che mi ha dato, storici e non, tesi a migliorare il testo".

Cosa si propone di scrivere nel presente o futuro?

"Attualmente sto revisionando la bozza di Sono tornata 2 (il titolo sarà diverso) che il mio editor ha letto e mi ha restituito con i suoi consigli. Sono quindi a stretto contatto con Elisabetta".

Eno Santecchia

Novembre 2015

Articolo per GIORNALE CESMA Migliori Marche2-2015

Articolo_per__GIORNALE_CESMA_Migliori_Marche_2_-_ROMA_2015.doc

Tp tutto Pistoia & provincia 10 giugno 2015

Domenica 14 giugno "Serata Rinascimentale" nell'incantevole scenario di Villa Giorgia

Domenica 14 giugno - PISTOIA Come d'incanto nel Rinascimento, tra dame e cavalieri. Quasi fosse un viaggio a ritroso nel tempo, domenica prossima 14 giugno, con inizio alle ore 20 all'Hotel Villa Giorgia, splendida location in Via Bolognese 164 a Pistoia, il Salotto Culturale Via dell'Arancio Tre e il Circolo Culturale I.P.LA.C. (Insieme per la Cultura) daranno vita a un incontro definito "Serata Rinascimentale".

Si tratterà di un vero e proprio evento, preparato con classe e sensibilità: in un'atmosfera rinascimentale (con simpatiche e ricche sorprese per i partecipanti, come assicurano gli organizzatori), saranno presentati due romanzi storici di grande effetto: "Sono tornata" di Clara Schiavoni (Edizione Simple; Elisabetta Malatesta Varano: l'amore, il dolore, il potere) e "Le rose di Cordova" di Adriana Assini (Scrittura & Scritture; la storia romanzata di Giovanna la Pazza).

Relatrice, la brava e bella scrittrice Simona Bertocchi.

Dopo un eccellente apericena, quindi, subito immersi nel Rinascimento, il periodo, tradizionalmente fissato tra la metà del secolo XV e la metà del XVI, caratterizzato, soprattutto in Italia, da un'eccezionale fioritura artistica e letteraria nonché da un più libero sviluppo del pensiero, frutto di una nuova consapevolezza dei mezzi dell'uomo e della sua potenza. L'auspicio, implicito, di una rinascita del nostro Paese e della nostra cultura.